The Human Gallery

Uno sguardo in anteprima sul nuovo, brillante, lavoro di Jesse Mekkonen

Qualche tempo addietro, circa all'inizio dell'anno, ho avuto la fortuna di imbattermi su di un gioco chiamato "Silence of the sleep". Era il primo titolo che Jesse Mekkonen ha creato da solo, un one man game. Ora torna a stupirci in questo caldo maggio con un nuovo titolo che ha da poco fatto la sua uscita su Steam Greenlight: The Human Gallery. Quando ho scritto la recensione per Silece of the Sleep, fui molto duro verso alcuni piccoli sbagli, dettati, sicuramente, dall'insperienza del creatore in alcuni campi. Mi rendo conto però che, quegli errori, sono serviti per la creazione di una nuova ed eccellente creatura.

Lo stile grafico evolve modificando, di poco, i 3 piani paralleli su cui si sviluppano le scene e gli eventi. Scende infatti il livello d'interazione a 2: Il terzo asse, viene ora utilizzato per gli effetti visivi e le mutazioni ambientali, migliorando, ulteriormente, l'immersione nel gioco. Le texture del piano fondale sono ora in HD e ci permettono di riconoscere anche il più piccolo degli elementi. MOLTO migliorate le ombre e le messe a fuoco, Mekkonnen ha davvero dato del suo meglio e l'ottima suddivisione degli oggetti nell'ambiente, crea giochi di ombre davvero sorprendenti. La scelta del piano medio taglia le gambe e ci mostra solo il profilo del protagonista ma, chi sa cosa ci riserverà il gioco completo? Conoscendo la genialità di Mekkonnen sicuramente avrà qualche asso nella manica.

texture

Il gameplay resta simile a quello di Silence, si utilizza la tastiera per muoversi sul piano centrale e il mouse per interagire e illuminare la scena, almeno fino a dove la lanterna arriva. Ricorrono gli enigmi e le interazioni con le fonti di luce, questa volta più caratteristica per via della grossa lanterna ad olio che il protagonista si porta con se. Come detto in precedenza, la sostituzione del terzo piano d'interazione con uno di soli effetti visivi, semplifica di non poco il Gamplay che diventa più intuitivo e immediato.

La storia, per quello che traspare dalla demo, dai video e dai piccoli Spoiler dalla pagina di Jesse, è quella di un pittore che viaggia nella mente di uno psicopatico in cerca d'ispirazione, tuttavia, a quanto pare, non può svegliarsi e questo gli impone di andare sempre più in profondità nella mente di un pazzo. Già Sots aveva una storia articolata molto bene e montata in maniera eccellente, non svelava niente e lasciava la storia del protagonista in bilico fino alla fine. Con tutte queste migliorie a livello grafico e di gameplay, non posso che aspettarmi una storia ancora più ricca di colpi di scena e di salti dalla sedia.

Respiratore

Non possiamo fare altro che attendere allora il completamento del gioco e il suo rilascio su Steam che sono sicuro avverrà per via della grande capacità dell'autore di coinvolgere e far divertire i propri giocatori con video e demo intriganti.

Per la versione in Inglese, andate a questo link;
Se volete invece dare un occhio al video girato da Mekkonen per il Greenlight di steam, lo trovate qui. o sul sito web del gioco, qui.


Tag popolari