Giochi da piccoli

Bisogna fare sempre attenzione con chi o cosa si gioca

Una mano scriveva su di un foglio due parole: “chi sei?”. L’aria era pesante, George sudava mentre scriveva, Tiffany lo guardava impaurita. La casa infestata emanava scricchiolii sinistri dall’inizio della seduta e questo faceva accapponare la pelle della ragazza. Quando il punto interrogativo fu tratto, la luce sfarfallò e il lampadario iniziò a volteggiare nell’aria. I ragazzi urlarono, si fiondarono alla porta cercando di aprirla, ma era serrata. Gli occhi erano fissi sul lampadario fino a quando, cadendo, spaccò la tavola Ouija. George fu il primo ad avvicinarsi, lesse sul foglio nuove parole marchiate a fuoco: “Spettacolo offerto da Ade”.


Tag popolari